Introduzione

“All’inizio è sempre geografia.
Parola che mi porta a casa, parola che mi porta via.
Basta pensarla, ne nasce storia. […]
è una geografia dell’anima
e lo spostamento necessariamente lento, fisiologico,
ne è conseguenza e presupposto.
Arriva il tempo della verifica,
arriva come necessità, d’urgenza.
I piedi vogliono muovere i sensi.
Un camminare incontro il paesaggio,
negli accadimenti, nei colori, nei profumi, nei suoni.”
(G.L. Ferretti, “Reduce”)

Le Terre della Regina si sviluppano seguendo il fiume Tevere dalle sorgenti al mare, lungo quella che sarà la futura ciclovia fluviale. Sono mappate e tracciate all’interno della Operazione Strabone e si dividono in cinque tratti:

“I limiti della geografia
non sono mai stati
quelli dello spirito”
(A.Camus)

Raccomandazioni e responsabilità

Tutte le info su questo sito ed altrove non sono verità assolute. Non vi avventurate! Le Terre della Regina meritano attenzione, rispetto, consapevolezza. Consigli, note, raccomandazioni, scarico di responsabilità nella pagina dedicata. Leggetele attentamente. Impiegate cinque minuti ora, per risparmiarne molti di piu’ dopo. [ segue >>> ]

Traccia GPS

“essendo signora e regina mia; sovrumana poi è la sua bellezza, giacché sono veri e reali in lei tutti gl’impossibili e chimerici attributi della perfezione che i poeti attribuiscono alle loro amanti; e sono oro i capelli, è un eliso la fronte, archibaleni le ciglia, due soli gli occhi, rose le guancie, coralli i labbri, perle i denti, alabastro il collo, avorio le mani, neve la bianchezza..”

(“Don Chisciotte della Mancia” – di Miguel de Cervantes)

Terre Estreme

La futura Ciclovia Tiberina, dalle sorgenti del Tevere  alle porte di  Roma.

Risalendo verso le sorgenti, il panorama è molto frastagliato ed incerto. Le tracce gps le trovate nella pagina dedicata alle Terre Estreme, insieme ad una serie di proposte per cominciare ad esplorare questi bellissimi territori (tra cui i 70km da Città di Castello a Perugia e gli altrettanti da Orte a Nazzano).
Aiutateci a comporre un’unica traccia, dalle sorgenti al mare, aggiungendo ai tratti già ciclabili in sede protetta i percorsi su strade secondarie (a basso traffico veicolare). [ segue >>> ]

Tratto romano


(la locandina dal set dell’Operazione Patronus)

La seguente traccia è relativa al tratto romano (da Prima Porta a Fiumicino), lungo complessivamente 55km.

Powered by Wikiloc

Per pedalare in compagnia della Regina da Labaro a Fiumicino, si può scaricare la traccia GPS da una delle seguenti piattaforme (link disponibili anche nella scheda “Informazioni” del gruppo Facebook ReginaCiclarum):

Se vi siete persi o avete dubbi sul bivio da prendere e non siete pratici di GPS, la cosa più semplice è:

  • scaricare lì per lì sul cellulare l’APP Strava (account gratuito obbligatorio)
  • visionare la traccia GPS della ciclabile caricata su STRAVA
  • attivare la posizione GPS  sul vostro cellulare
  • verificare quanto siete distanti dal tracciato (vedere esempio nella figura seguente)

Il 2 marzo 2018 la traccia GPS viene selezionata per entrare nel database di Google Earth (qui un approfondimento).

Itinerari della Regina Ciclovia

Ad oggi già metà del percorso della futura Ciclovia Tiberina è pedalabile. Che sia un weekend in Umbria, una giornata nell’alto Lazio o una mattina nella capitale, lasciatevi ipnotizzare dalla bellezza della Regina e dalla maestà del Tevere. Tracce, foto, videoracconti, note, …. [ segue >>> ]

Webserver della Regina

Per facilitare una visione di insieme, è  stato sviluppato il Webserver della Regina [segue…]

Una pagina del WebServer è stata dedicata alla mappatura dei punti critici sulla Via al Mare, coinvolti nel progetto di rigener-azione della segnaletica sviluppato con il CdQ Ponte Galeria. [ segue >>> ]

Video Rendering

Oltre ai video raccolti nella pagina dedicata, qui di seguito il rendering del tratto romano delle Terre della Regina, per seguire a volo d’uccello il percorso dalle campagne di  Labaro PrimaPorta all’Oceano Mare di Fiumicino.

 

Trasporto pubblico

La mappa del trasporto pubblico su ferro, per aiutare a pianificare le proprie esplorazioni, integrando i tratti in bici con gli spostamenti in treno, metro, ….