Introduzione

All’interno del panorama delle Discese del Tevere, pubblicato ad ottobre un video  sulle esplorazioni del fiume con Teverina, la bici d’acqua con cui sperimentare il ciclo turismo fluviale itinerante: la pratica di alternare tratti in acqua e su terra, navigando nel primo caso, pedalando nel secondo.

Un approccio intermodale garantisce la possibilità di pianificare un percorso alternando diverse strategie: mezzi pubblici, pedalata, navigata….

Questo al fine di ridurre i vincoli negli spostamenti (legati, ad esempio, alla pianificazione a priori del punto di imbarco/sbarco a cui si rimane altrimenti vincolati). E’  possibile uscire da casa e ritornarci caricando tutto il necessario sulla bici.
Questa caratteristica amplifica la possibilità di sviluppare un turismo fluviale itinerante, anche su più giorni, intervallando navigazione, pedalata, trasporto pubblico in base alle condizioni metereologiche, allo stato psicofisico, …..

Quattro minuti per riassumere quattro avventure: una nei pressi della foce, due nella riserva TevereFarfa e l’ultima in occasione della discesa al meandro morto di Spinaceto. Si aggiunge un breve backstage sui titoli di coda, durante le prove tecniche preliminari, al lago di Albano.

Raccomandazioni e sviluppo prototipo

Si segnalano le raccomandazioni (da seguire prima di avventurarsi nel fiume) e l’appello per lo sviluppo di un prototipo.

Le news della Regina

Per approfondire: elenco completo delle ReginaNews dove leggere le altre imprese feline.

condividi:
Facebook
Facebook
Google+
http://reginaciclarum.it/wordpress/?p=3896
Twitter
Instagram
Cicloturismo fluviale in waterbike
Tag:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *