Il percorso dai Castelli Romani a Fiumicino: 85km per  1400 metri di dislivello. Due laghi, un fiume, un mare… passando per l’Appia Antica e proseguendo lungo il Tevere: la Randonnee  delle Regine.

Randonnee delle Regine

All’interno della Operazione Strabone (mappare il teritorio) e  da una  idea di Emanuele Gallo, prende forma il percorso dai Castelli Romani a Fiumicino: 85km per  1400 metri di dislivello.

Due laghi, un fiume, un mare… passando per l’Appia Antica e proseguendo lungo il Tevere: la Randonnee  delle Regine.

Si parte da Monte Cavo, nei pressi di Rocca di Papa, quindi si raggiunge Roma percorrendo l’Appia Antica. All’altezza di Tor Carbone, per raggiungere il Tevere  si può decidere se continuare dritti fino a Trastevere o tagliare per   strade secondarie fino a Eur Decima. Da lì in poi si prosegue lungo la Regina Ciclarum fino al mare di Fiumicino. Il ritorno (come anche  l’esplorazione in piccoli tratti) può essere pianificato sfruttando i collegamenti pubblici (vedere più avanti il capitolo dedicato).

Le Regine

Viarum

312 avanti Cristo: il console Appio Claudio dà il suo nome al tracciato di una nuova strada che raggiunge la Campania e poi Brindisi.
La principale caratteristica di questa nuova strada è di essere percorribile con ogni tempo e con ogni mezzo, grazie alla pavimentazione realizzata con grandi pietre levigate e perfettamente combacianti, poggiate su uno strato di pietrisco che assicura tenuta e drenaggio.
Con questa tecnica rivoluzionaria la Repubblica e l’Impero potranno costruire la vastissima rete stradale del mondo romano.
Quasi sempre rettilinea, larga circa 4,10 metri, una misura che consente la circolazione nei due sensi, affiancata da un duplice percorso pedonale e servita da pietre miliari, l’Appia si merita ben presto l’appellativo di Regina viarum, la Regina delle strade.

(tratto dal sito del Parco dell’Appia Antica)

Ciclarum

La Regina Ciclarum,  nome proprio di utopia a pedali, il percorso verde lungo la futura Ciclovia del Tevere, dalle sorgenti emiliane al mar Tirreno, attraversando la Città Eterna.

400 km dalle sorgenti emiliane al Mar Tirreno.

Fotoracconto

Le foto scattate da Emanuele in occasione della prima Randonnee, a dicembre 2019.

Raccomandazioni

Tutte le info su questo sito ed altrove non sono verità assolute. Non vi avventurate! Le Terre della Regina meritano attenzione, rispetto, consapevolezza. Consigli, note, raccomandazioni, scarico di responsabilità nella pagina dedicata. Leggetele attentamente. Impiegate cinque minuti ora, per risparmiare sventure e contrattempi dopo. [ segue >>> ]

Traccia Gps

Powered by Wikiloc

Bici, treno… e aereo

E’ possibile esplorare il percorso frammentandolo in più tratti, come anche facilitare il rientro, grazie alle linee di trasporto pubblico che corrono lungo il tracciato:
  • FS Fiumicino-Orte (tra le stazioni intermedie ricordiamo  Trastevere, San Pietro, Piramide, Tuscolana, Nomentana)
  • ATAC Ostia-Piramide (tra le stazioni intermedie ricordiamo  Lido Nord, TorDiValle, Magliana e San Paolo)
  • FS Termini-Albano (tra le stazioni intermedie ricordiamo  Ciampino e Castel Gandolfo)
  • Metro B (tra le stazioni intermedie ricordiamo  Termini, Circo Massimo, Piramide, San Paolo, Magliana)
  • Metro A (tra le stazioni intermedie ricordiamo  Colli Albani e Termini)
Riferirsi ai gestori per orari e condizioni di viaggio.
(la Via al Mare altezza Belvedere Galeria)
Il percorso può essere fatto tutto in bici: divertente e quasi totalmente lontano dal traffico e dai pericoli. Regala anche una bella soddisfazione a livello di prestazione fisica. Grazie alle stazioni che sono presenti sul percorso mappato, è possibile percorrerne solo un tratto oppure spostarsi lungo il tracciato utiizzando le linee ferroviarie regionali (formula bici e treno). Le stazioni sul percorso più importanti sono:
  • Torricola ( Roma Termini – Napoli , via Formia ) che dista 500 metri dall’Appia Antic
  • Castel Gandolfo ( linea Roma Termini – Albano ) proprio sul percorso mappato
  • Albano Laziale ( Capolinea Roma Termini – Albano Laziale) permette di evitare molta salita, e riprendere la traccia gpx da Albano Laziale
  • Santa Maria delle Mole ( Roma Termini – Velletri) che si trova praticamente sull’Appia Antica
Nella pagina dedicata alla Via al Mare le informazioni logistiche legate al percorso lungo il Tevere.
Ai trasporti su ferro si aggiunge l’opportunità fornita dai due aereoporti : Ciampino e Fiumicino (all’inizio e alla fine del percorso).
Loading...

(il Tour360 dedicato alla Via al Mare, nella seconda parte della Randonnee)

I contenuti a tutto tondo dalla collezione Tevere360. Muovere mouse/cell per cambiare direzione di visuale.

Muscolare + Ebike

In prossimità della stazione FS di S.M. delle Mole si sta portando avanti un progetto di noleggio ebike che darà modo a chi vuole andare ai Castelli Romani in bicicletta , di poterlo fare anche senza un grande allenamento. Proprio da questa stazione si lascia la pianura per arrampicarsi ai Castelli. Un tempo in questo contesto gli antichi Romani qui, cambiavano i loro cavalli…  Un giorno si potrebbe pensare di arrivare fin qui da Roma pedalando con una muscolare, poi noleggiare una ebike per proseguire ai Castelli … tutto senza fatica.

Cos’è una Randonnèe

(tratto da Dolomitics)

Il cicloturismo nasce in Italia alla fine del XIX secolo. Nel 1897 un gruppo di ciclisti partì da Roma per tentare di percorrere in giornata i 230 km che li separavano da Napoli, compiendo quella che storicamente viene considerata la prima escursione ciclistica a lungo raggio di un gruppo di persone: l’impresa, ritenuta davvero audace, dette origine all’uso di battezzare con il termine latino “AUDAX” la formula delle escursioni ciclistiche di gruppi capaci di percorrere 200 km tra l’alba e il tramonto.

La disciplina del randonneurs è nata in Francia nel 1904, nell’ambiente delle Gran Fondo. Da allora, questa disciplina ha saputo coinvolgere migliaia di appassionati su tutto il territorio nazionale, grazie ad uno spirito sportivo genuino che favorisce l’aggregazione spontanea fra i ciclisti senza l’assillo del cronometro. Essa si pone in alternativa al dilagante agonismo che sempre più caratterizza tutte le discipline sportive, proponendo un modo più tranquillo di fare comunque del ciclismo sportivo, apprezzando la compagnia ed il paesaggio.

Randonnée, divertirsi in bici con una diversa filosofia. In francese, randonnée significa passeggiata/escursione: si tratta quindi di prove senza classifica su distanze lunghissime, ma alla portata di tutti o “quasi”. La bicicletta può essere di qualsiasi tipo. La filosofia delle randonnée vede prevalere la componente turistica.

 

 

Riferimenti

Il mio nome è Emanuele Gallo , nato ad Albano Laziale ( Castelli Romani ) il 20 Maggio 1981. La passione della bici la ho da quando ero piccolo, sempre vista come un mezzo perfetto per esplorare e scoprire il territorio. Da circa 2 anni sono accompagnatore MTB, con il pallino di promuovere la zona nella quale vivo ma anche tutto ciò di bello dove mi capita pedalare. Sono iscritto ad un gruppo sportivo di nome Ciampino Bike, che ha sede appunto in Ciampino , il quale organizza eventi sia sportivi che cicloturistici cercando di coinvolgere il più spesso possibile le famiglie. Ho poi un gruppo di amici bikers con il quale ci dilettiamo in viaggi in bici ed avventure: ” I Guerrieri della Notte”. Con loro a Dicembre ho avuto il piacere di scendere al mare partendo dai Castelli.

Qualazampa

Le Terre della Regina invocano la partecipazione di tutti noi. Condividete le vostre visioni, seguiteci nelle giornate in calendario, aiutateci a portare avanti i progetti di recupero e diffusione della futura Regina Ciclovia Fluviale, il percorso verde lungo il Tevere.

Per rimanere aggiornati, partecipare, proporre….. iscrivetevi ai social o date una occhiata alle ReginaNews con tutte le imprese feline. Collaboriamo!

condividi:
Facebook
Facebook
Google+
http://reginaciclarum.it/wordpress/?p=9515
Twitter
Instagram
Randonnee delle Regine